L’uomo che non è capace di sognare… 1


L’uomo che non è capace di sognareTomás Borge Martínez è un povero diavolo,
un castrato.

L’uomo che è capace di sognare
e di trasformare i suoi sogni in realtà
è un rivoluzionario.

L’uomo che è capace di amare
e di fare dell’amore
uno strumento per il cambiamento
è anch’egli un rivoluzionario.

Il rivoluzionario quindi è un sognatore,
è un amante, è un poeta,
perché non si può essere rivoluzionari
senza lacrime negli occhi
e tenerezza nelle mani.

Tomás Borge Martínez

————————————————-

“Nel 1962, dei guerriglieri sandinisti che giurarono con un patto di sangue di liberare il Nicaragua, soltanto uno — Tomàs Borge — non fu ucciso nella giungla ma fu catturato e rinchiuso per anni nelle prigioni di Somoza. Dopo la vittoria sandinista del 1979, Tomàs Borge fu nominato dai sui camerati Ministro degli Interni. Dopo pochi mesi i suoi compagni lo informarono che tra gli agenti che erano riusciti a catturare della Guardia National di Somoza c’erano anche i tre uomini che lo avevano ripetutamente torturato durante gli anni di prigionia. Tomàs si recò subito alla prigione e ordinò che gli venissero portati innanzi quei tre prigionieri. Lui li guardò fisso negli occhi e si accertò che fossero davvero i suoi torturatori. E poi ordinò alle guardie che li rilasciassero immediatamente…”
Tiziano Tosolini, Controstorie dal Giappone, ed. Asian Study Center, p.3


Rispondi

Un commento su “L’uomo che non è capace di sognare…