Porrajmos – Una persecuzione dimenticata


A sessant’anni dall’olocausto, lo sterminio degli zingari rimane una storia tutta da scrivere

PORRAJMOS – Una persecuzione dimenticata

In occasione delle celebrazioni per la Giornata della Memoria 2004, il 25 gennaio 2004 al Teatro Verdi di Milano, Opera Nomadi presenta il documentario “Porrajmos – una persecuzione dimenticata”, realizzato grazie al contributo economico dell’UCEI External link(Unione delle Comunità Ebraiche Italiane), e prodotto da Dropout Officina dell’Immagine. di Altrocinema.
A sessant’anni dall’olocausto, lo sterminio degli zingari rimane una storia tutta da scrivere. L’ebraica Shoah in lingua romanes e’ Porrajmos, che similmente indica annientamento, distruzione, divoramento. Cinquecentomila, forse un milione, furono i Rom e i Sinti sterminati dai nazifascisti, a cui vanno aggiunti quelli uccisi in strada, o comunque perseguitati nei territori occupati di tutta Europa. L’assenza, nel nostro paese, di una esplicita legislazione razziale relativa agli zingari non deve trarre in inganno: anche il fascismo fu responsabile di persecuzioni e deportazioni, sia nei confronti di Rom e Sinti insediati sul territorio nazionale, sia nei confronti di quelli che si trovavano nei paesi occupati dal nostro esercito.
Il documentario apre sottolineando il rifiuto, la rimozione, che molti anziani continuano ad opporre al tentativo dei più giovani di indagare ed elaborare la memoria della Porrajmos.
Giorgio Bezzecchi, segretario nazionale dell’Opera Nomadi, Rom hervato, sta studiando la persecuzione zingara. I suoi familiari non parlano, se pure hanno vissuto la persecuzione sulla loro pelle, a cominciare da Mirko, il padre, fino alla zia ormai morta, al nonno, deportato in Germania e mai più tornato. Parlano poco anche i Gage’, gli italiani, a tutti i livelli: istituzionale, accademico, storico. I silenzi generano incubi, e Giorgio sogna di incontrare alcuni perseguitati, che gli testimoniano le crudeltà della guerra, della deportazione, dei lager. Un sogno che accresce il desiderio di capire, e porta Bezzecchi a incontrare Giovanna Boursier, una storica che si e’ occupata della Porrajmos e che lo aiuta nella ricostruzione storica. La storiografia, però, non e’ sufficiente a esprimere “cos’e’ il dolore”. Solo chi ha vissuto, forse, può fornire un sentore.
Ecco quindi che a rendere vive le circostanze illustrate, intervengono le memorie dei sopravvissuti: Dolores, Adelaide e Candida, tre anziane Sinti che vivono a Mantova, aprono le testimonianze, intercalate all’incontro fra la Boursier e Bezzecchi. e’ poi la volta di Milenko, di sua sorella Maria e suo marito, Mate – Rom hervati – i cui ricordi si fanno più precisi e drammatici, anche perché i tre provengono da una zona disgraziata: il confine fra Italia ed ex Jugoslavia.
Terminato l’incontro con la storica, Giorgio capisce che molto va ancora fatto per sollevare la Porrajmos dall’oblio; comprende meglio anche i silenzi dei suoi parenti di fronte a eventi tanto paurosi. Anche perché, alla fine, Mirko decide non senza sforzo di raccontare a tutta la famiglia la “sua” personale Porrajmos.
Chiude il film l’intervento fuori campo di Renato Sarti, regista e drammaturgo che da anni lavora sul recupero della memoria storica, e che nella sede milanese dell’Opera Nomadi, devastata da un’incursione neofascista la notte del 30 dicembre scorso, interpreta alcune perle del peggior armamentario. razzista e del bestiario dei pregiudizi di ieri e di oggi. Perche’ purtroppo, ancora oggi, a distanza di tanti anni dal delirio eugenetico nazifascista, quello dei Rom e dei Sinti e’ di gran lunga il gruppo etnico maggiormente discriminato a livello sociale e razziale.

Per la ricerca storiografica Opera Nomadi si è avvalsa degli studi di Giovanna Boursier (storica e collaboratrice del quotidiano Il Manifesto), del supporto della Fondazione CdEC (Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea) e della collaborazione di Marcello Pezzetti, storico della Shoah. Importanti suggerimenti sono inoltre stati forniti da Isabella D’Isola, docente di Filosofia e Storia.
La stesura del soggetto e il coordinamento degli autori sono stati affidati a Francesco Scarpelli e Paolo Poce, che firmano anche la regia del documentario, prodotto da Dropout Officina dell’Immagine.

Porrajmos – una persecuzione dimenticata (Milano, 2004, 25’)
Regia: Paolo Poce, Francesco Scarpelli.
Ideato scritto e realizzato da: Alked Derhemi, Paolo Poce, Erica Rossi, Francesco Scarpelli. Montato da Tiziana Cantarella.
Riprese e direzione della fotografia: Massimo Schiavon.
Riprese audio: Giovanni Korfias.
Musiche: Andrea Viti.
Graphic Designer: Luca Criscuolo.
Ricerca Iconografica: Sara Criscuolo.
Produzione esecutiva: Elisabetta Massera, Daniele Gentili.
Hanno collaborato alla ricerca: Giovanna Boursier, Isabella D’Isola, Roberta Migliavacca.

Fonte: http://www.ngvision.org/mediabase/284 External link

E’ possibile scaricare External linkil documentario (formato divx 140 Mb)

Rispondi