Schneider Helga, Heike riprende a respirare


Heike riprende a respirare

Heike riprende a respirare

Heike riprende a respirare è un romanzo per ragazzi della scrittrice  Helga Schneider (che dal 1963 ha scelto di vivere in Italia).

Dopo Stelle di cannella e L’albero di Goethe, Helga Schneider riapre per il pubblico dei ragazzi le pagine del suo personale passato per raccontarlo, commuovere e far pensare: e stavolta lo fa ritornando al tema del suo primo libro, Il rogo di Berlino, e alla dimensione collettiva della tragedia di cui è stata testimone.

Svela con uno sguardo particolare, quello di una bambina berlinese, la tragedia della seconda guerra mondiale, del nazionalsocialismo. Punto di vista  al quale noi non siamo abituati ma che ci rivela l’assurdità di qualsiasi conflitto e di come a soffrire e pagare il prezzo più alto sono sempre le persone da qualsiasi parte si trovino. Nella guerra, in ogni guerra, non ci sono vinti e perdenti ma tutti sono perdenti.


Trama

Berlino, 1945. Heike, dieci anni, vive con la madre nello scantinato della loro casa distrutta dalle bombe. Il padre è disperso, ma Heike sa che tornerà: non smette di parlarne al suo più grande amico e confidente, il grande melo che cresce nel giardino. Attorno, rovine: rovine di edifici, e rovine nelle menti e nei cuori delle persone. Tante però sembrano voler tener viva la speranza nel futuro… La storia personale di una ragazzina si mescola con la storia con la S maiuscola. Alla fine di una guerra non ci sono solo le cose da ricostruire, ma anche le vite e le persone. Non la mamma di Heike: nel suo recentissimo passato c’è una ferita inguaribile. Alla fine di una guerra non ci sono solo le cose da ricostruire, ma anche le vite e le persone. Una storia delicata, in punta di piedi di bambina, per raccontare una verità cattiva: nessuno sopravvive alla guerra, neppure i vivi.

Età di lettura: da 12 anni.

autore Helga Schneider
genere Ragazzi
dettagli 123 pagine, libro – brossura

 

Anteprima del libro

leggi i primi due capitoli


Approfondimenti

Rispondi