Turoldo David Maria, Fede


Padre David Maria Turoldo

Padre David Maria Turoldo

Teologi e chiesasti, pulite (o complicate) quanto volete la fede, ma lasciatemi credere. Cristo non è una cavia o un sistema: è l’evento dentro e oltre i fatti. E, distrutto, sempre si ricompone dalla sua e nostra morte, per la sua e nostra resurrezione. Non già “la causa dell’uomo che continua”, ma dimensione biologica, tensione della terra: sempre vivo mistero del genere umano.

Egli è il solo frutto possibile, l’eterno presente ove t’infuturi, dandogli tu la carne e il sangue. Nessuno può narrare l’evento. Leggenda che muove il mondo, essa è la storia più vera: allora finalmente crederemo.

Lingua non serve a dire le ragioni dell’ultimo donarsi, la suprema gratuità dell’amore. Abbiamo appena fragili simboli e cercare nuove prove e sillogi alla fede è come voler spegnere il sole o incatenare il vento.

E’ quanto pagheremo amaramente: fede di atei, fede senza incantesimo e senza mistero.

Egli è la luce fattasi corpo, nato dalla creazione pura, nato da donna vergine per opera dello Spirito, venuto sotto la legge per amore. Era nel principio e nulla ha vita senza di lui: era la vita e la vita è venuta e vive.

Cristo, unico uomo: l’uomo povero e libero, l’ultimo di tutti gli uomini!

Mio Cristo, vero sacramento di Dio.

(da: “Il Sesto Angelo” di David Maria Turoldo – Mondadori)


Approfondimenti

Padre Turoldo, profeta di un “Dio la cui passione è incarnarsi” a cura della Prof.ssa Daniela Negri

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.