Učka 1993

Scarica la pagina nei seguenti formati:

Ci sono date che diventano ricorrenze, ricordi e memoria.

Agosto 1993 – Agosto 2013: vent’anni.

Era scoppiato il conflitto nella Repubblica Federale dell’allora Jugoslavia (per saperne di più vedi questa presentazione ). Con altri ragazzi/e che “sognavano” e cercavano la pace andai in un campo profughi presso Učka. Si trattava di baracche in un bosco prima del tunnel che attraversa il monte che porta lo stesso nome. Seguirono altri viaggi, non solo a  Učka. Erano soprattutto incontri, volti, persone, storie.

Quello che presento di seguito è un montaggio di video girati nel novembre del 1993 sempre presso Učka. Scelta dei testi e della musica sono miei. Il video si può scaricare a questo link

Di seguito invece il testo della poesia di Abdulah Sidran che scorre nel filmato.

L’incubo

Che stai facendo, figlio?

Sogno, madre mia, sogno che sto cantando,
e tu mi chiedi, nel sogno: che stai facendo, figlio?

Cosa canti nel sogno, o figlio?

Canto, madre mia, che avevo una casa.
E adesso la casa non ce l’ho. Questo canto, madre mia.

Avevo la mia voce, o madre, e la mia lingua avevo.
E ora non ho né voce né lingua.

Con la voce che non ho, nella lingua che non ho,
dalla casa che non ho, io canto la mia canzone, o madre.

Scarica la pagina nei seguenti formati:

Inserisci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: