Viedolezione: La passione secondo Andrej, di Andrej Tarkovski

Scarica la pagina nei seguenti formati:

“Più il male è presente nel mondo
più è necessario creare la bellezza.
È senza dubbio più difficile,
ma è anche più necessario”
(A.Tarkovski)

Le motivazioni della proposta

Come coniugare la necessità di isolamento e protezione imposta dalla circostanza “emergenza Covid” con le esigenze della didattica?
Soprattutto, una materia come religione cattolica, che della ricerca personale, della relazione e il confronto d’aula vive e si alimenta, cosa può mettere in campo?
Di seguito una proposta che cerca di far proprie queste esigenze consapevole di non esaudirle. Ho cercato di tener presente le principali istanze didattiche di cui si nutre come humus la proposta educativo-disciplinare dell’IRC pensando qualcosa di diverso che non imiti semplicemente quanto potevamo realizzare nel confronto personale e nello spazio-tempo dedicato a scuola. Siamo in ricerca in una situatzione inedita. Anche prima si utilizzavano questi strumenti ma non esclusivamente e sempre corredati da una relazione d’aula.

La proposta che segue è stata realizzata con Google Moduli (Google form) e inoltrata agli alunni/e mediante la piattaforma Google Classroom perchè la scuola si è dotata di questi strumenti ed il materiale è facilmente fruibile anche con gli smartphone (molti ragazzi/e non sono dotati di PC e spesso non lo sanno usare, anche con lo smartphone per la verità la maggioranza non va oltre le social app che usano abitualmente. Credo che la suola debba mettere in agenda anche questo aspetto per rendere i ragazzi/e utenti consapevoli e non passivi fruitori di un’offerta tecnologica).

Proposta interdisciplinare

  • religone, cinema e arte

Proposta ecumenica:

  • religone cristiano cattolica e religione cristiano ortodossa.

Articolazione della proposta

  • un video di presentazione da parte dell’insegnante;
  • un video con le scene scelte tratte dal terzo episodio La passione secondo Andrej del film di Andrej Tarkovski, Andrej Rublëv;
  • alune domande aperte (che nel modulo di google non ho contrassegnato come obbligatorie);
    In questa proposta ho attutato questa scelta per permettere agli alunni di esprimere quanto sanno, di ricercare, di mettersi in gioco. Ognuno può dare quanto ha, quanto può e quanto vuole.
    Viene richiesto loro un impegno personale, riflessione ed implica una responsabilità verso la proposta.
  • le domande aperte presuppongono abilità e mettono in gioco competenze.

Presentazione video: introduzione della proposta

Presentazione del video con la scena della passione tratta dal terzo episodio

Andrej Rublëv, scene scelte del terzo episodio

Andrej Rublëv Trinità

Il progetto a fondamento della concezione ideologico-artistica della sceneggiatura ce lo spiega direttamente il regista A.Tarkovski:

“Questo film avrebbe dovuto raccontare come la nostalgia popolare della fratellanza, in un’epoca di feroci lotte intestine e di schiavitù tartara, creasse la geniale Trinità ossia un’immagine ideale di fratellanza d’amore e di quieta santità”


Per pensare e riflettere

Il cinema è sempre stato debitore al mondo dell’arte. Le immagini del film ti hanno ricordato alcuni quadri?
Carica l’immagine del quadro che assoceresti ad una scena del film. Oppure proponi un tuo elaborato grafico.


Quale frase della Passione di Gesù che i quattro Vangeli ci raccontano (qui tutti i testi Mt 26-27; Mc 14-15; Lc 22-23; Gv 18-19) assoceresti alla scena del film vista?
Trascrivila inserendo la citazione.


Il regista ha definito la libertà: “Libertà, per uno che ama davvero, è la capacità di sacrificarsi per gli altri” (Meeting dell’Amicizia di Rimini, 1983, Cit. in Avvenire, 26 agosto 1983).
Per te cos’è la libertà?

Vorrei dire che…

Spazio libero per esprimere una tua riflessione in merito a quanto proposto oggi.





Last but not least…

Un’immagine forte ed evocativa accompagnata dalle parole di Papa Francesco proclamate durante il Momento straordinario di preghiera in tempo di epidemia (https://bit.ly/3dHrWDM)

Papa Francesco proclamate durante il Momento straordinario di preghiera in tempo di epidemia

“Da settimane sembra che sia scesa la sera. Fitte tenebre si sono addensate sulle nostre piazze, strade e città; si sono impadronite delle nostre vite riempiendo tutto di un silenzio assordante e di un vuoto desolante, che paralizza ogni cosa al suo passaggio: si sente nell’aria, si avverte nei gesti, lo dicono gli sguardi. Ci siamo trovati impauriti e smarriti. Come i discepoli del Vangelo siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca… ci siamo tutti. Come quei discepoli, che parlano a una sola voce e nell’angoscia dicono: «Siamo perduti» (Mc 4,38), così anche noi ci siamo accorti che non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo, ma solo insieme”.

Papa Francesco, Momento straordinario di preghiera in tempo di epidemia, venerdì 27.03.2020

Scarica la pagina nei seguenti formati:

Inserisci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: